ArredaLAB

Perché arredaLAB

Arredi sicuri e certificati CAM.

Cosa sono i CAM?

I CAM sono i Criteri Ambientali Minimi stabiliti per legge. Ciò significa che almeno il 50% della spesa di una scuola per l’acquisto di arredi deve essere destinata a prodotti CAM conformi.

A cosa servono?

L’istituzione di questi criteri mira a garantire la scelta di soluzioni progettuali sostenibili dal punto di vista ambientale.

Quando un prodotto è conforme ai CAM?

I prodotti conformi hanno ottenuto una certificazione, di cui i rivenditori sono a conoscenza. Vengono tenuti in considerazioni molteplici fattori, tra cui: gestione delle materie prime, sostenibilità dei processi produttivi, scelta dei materiali, ciclo di vita del prodotto e possibilità di riuso e riciclo al termine di esso.

wordcloud_softskills

Crediamo nella scuola del futuro.

Siamo gli unici produttori di arredo accreditati da AssoEdu, l’Associazione Nazionale Tecnologie e Digital Media per l’Educazione.

Vogliamo aiutare i docenti nella realizzazione e nella stesura dei progetti per gli ambienti didattici innovativi.

La nostra filosofia si legge nel nostro nome: ArredaLAB.

La scuola è un laboratorio dove si studia, si ascolta e si impara, ma soprattutto si sperimenta.
Non possiamo più pensare alla scuola come un contesto dove apprendere nozioni allo scopo di ottenere il rilascio di un certificato.

Un laboratorio importantissimo dove bambini e ragazzi si formano in quanto persone e imparano ad essere cittadini.

Nel contesto culturale di oggi, fatto di tecnologie in costante evoluzione, sistemi di comunicazione all’avanguardia e una velocità di circolazione delle informazioni un tempo impensabile la didattica ha un ruolo sempre più importante.

Esso include anche formare bambini e ragazzi in modo che possano agire responsabilmente nel mondo di oggi e di domani.

In questa concezione di scuola come laboratorio e palestra di vita si inseriscono numerosi temi; alcuni di essi sono già stati affrontati nel 1993 nel documento “Life Skills Education in School” redatto dall’OMS¹, altri tornano costantemente in pubblicazioni che trattano life skills, soft skills, life-long learning e ICT (Information and Communications technology).

Ciò che in ogni caso emerge è la necessità di non limitarsi alla trasmissione di conoscenze ma tendere alla formazione della persona, attraverso l’acquisizione di competenze trasversali e disciplinari.

L’ambiente d’apprendimento, inclusi gli arredi, incidono in maniera significativa (anche 80%) sul rendimento degli studenti e sulla motivazione degli insegnanti.²

ArredaLAB nasce per dare ai docenti e ai ragazzi la possibilità di usufruire di ambienti didattici e spazi formativi vari e stimolanti, pensati per adattarsi alle loro esigenze. Sotto la guida degli insegnanti, gli studenti possono essere posti al centro dell’azione didattica, promuovendo una partecipazione attiva sia individuale che in gruppo.

Questa didattica di tipo laboratoriale si presta, insieme alla tecnologia e agli strumenti interattivi, ad una vera personalizzazione dell’apprendimento.

Di conseguenza, come ogni luogo di lavoro all’avanguardia, così gli spazi dedicati alla formazione devono prevedere logiche di rimodulazione e adattabilità.

Vogliamo quindi realizzare e proporre arredi innovativi per la scuola 3.0, in modo da consentire la realizzazione di spazi formativi flessibili e modulari.

arredalab-panel

ArredaLAB vuole fornire gli strumenti affinché ogni professore possa decidere di disporre la propria aula nella maniera più consona alle proprie esigenze didattiche.

Ad esempio: una lezione frontale in cui è necessaria la massima concentrazione, coppie di studenti per laboratori linguistici, gruppi di lavoro più o meno grandi, incoraggiando gioco di squadra e capacità organizzative della classe.

MIUR e Governo, con il PNSD (Piano Nazionale Scuola Digitale, 2015) hanno raccolto la sfida e avviato un processo per portare innovazione e sviluppo in tutte le scuole italiane.

arredalab-fiera

Note:

1. I documenti dell’OMS: Life Skill Education e Introduction to life skills for psychosocial competence

2. G. Campagnoli, L’architettura della scuola, una idea per i luoghi della cultura e dell’apprendere, FrancoAngeli editore

Per approfondire:

Alcuni spunti sulla disposizione delle aule: link

Il setting scolastico, una sintesi: link 

Dalle pagine di Bricks, il setting scolastico: link

In merito alle soft-skills: La Scuola Possibile.it

Sulle life-skills: DeA Scuola

Il Piano Nazionale Scuola Digitale, in sintesi: link